Volvo Penta presenta il concept IMO Tier III per i motori D8

Alla fiera e conferenza internazionale Nor-Shipping in Norvegia, Volvo Penta ha presentato un motore D8 e un sistema di post-trattamento, progettati per applicazioni industriali di propulsione heavy duty e generatori di energia, in grado di soddisfare lo standard Tier III dell'Organizzazione marittima internazionale (IMO, International Maritime Organization).

1860x1050-D8-MH-Diesel-Inboard-IMOIII

Novità in casa Volvo Penta: arrivano il nuovo motore D8 e un sistema di post-trattamento conforme agli standard Tier III dell'Organizzazione marittima internazionale (IMO) che, rispetto agli attuali livelli IMO Tier II, prevedono una riduzione delle emissioni di ossidi di azoto (NOx) di circa il 75%, a seconda delle dimensioni del motore. Le nuove restrizioni sulle emissioni saranno in vigore a partire dal 2021 per le navi che entrano nel Mar Baltico e nel Mare del Nord.

Poiché sarà certificato per essere conforme alle più recenti norme sulle emissioni IMO III e agli standard internazionali sulle emissioni (US EPA Tier 3, China 1 e 2 e NRMM IWW Stage V), il nuovo D8 sarà una soluzione veramente globale. Il prodotto verrà rilasciato in due fasi: la prima versione sarà conforme alle normative IMO II, EPA e China mentre, a metà del 2020, la seconda versione aprirà le porte alla conformità allo standard IMO III e alla normativa europea in materia di vie navigabili interne.

Il D8 eredita la tecnologia IMO III dal fratello maggiore, il D13, che ha riscosso un grande successo sul mercato.

“La soluzione IMO III per il D13 ha dimostrato la sua efficacia in mare in condizioni difficili, perché prima del suo lancio nel 2018 ha completato 35.000 ore di test sul campo”, spiega Thomas Lantz, Product Planning Manager, Marine Commercial presso Volvo Penta. "Il nuovo motore D8 IMO III è stato sviluppato per sostenere un'elevata contropressione, pur mantenendo efficienza e facilità di guida. Il motore avrà lo stesso impatto dei modelli attuali e il sistema di post-trattamento degli scarichi funzionerà sia con il sistema EVC (Electronic Vessel Control) sia con il sistema Marine Commercial Control (MCC) di Volvo Penta”.

La tecnologia IMO III si basa sia sull'esperienza dell'azienda, sia sulle competenze acquisite dal Gruppo Volvo come leader nella tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction): il risultato è un sistema destinato alle applicazioni marine heavy-duty.

“Abbiamo scelto di utilizzare la tecnologia SCR perché garantisce un funzionamento efficiente del motore e consumi ottimali, pur mantenendo il giusto livello di potenza”, afferma Lantz. "La tecnologia SCR è la soluzione ideale per i clienti del settore marino."

Controllo delle emissioni
La designazione del Mar Baltico e del Mare del Nord come area di controllo delle emissioni di ossidi di azoto (NECA) da parte dell'IMO segue quella dell'America Settentrionale e del Mar dei Caraibi e si applica alla maggior parte dei motori con una potenza superiore ai 130 kW. In tutte queste aree, designate come aree di controllo delle emissioni di ossidi di zolfo (SECA), il limite per il contenuto di zolfo nel carburante è di 1.000 ppm.

Inizialmente Volvo Penta ha lanciato la soluzione IMO III per i suoi modelli da 13 litri, per poi renderla disponibile per una vasta serie di applicazioni di propulsione marina e produzione di energia. Il motore D8 eroga una potenza fino a 313 kW per applicazioni interne ed ausiliarie e fino a 265 kW per la produzione di energia. In entrambi i casi, i livelli di ossidi d'azoto scenderanno dai 7,7 g/kWh attualmente consentiti a 2 g/kWh.

Soluzione ottimizzata per motori marini
La soluzione IMO Tier III di Volvo Penta ha superato le limitazioni stabilite riducendo di oltre il 75% le emissioni di ossidi di azoto. La struttura è semplice e robusta, con una soluzione SCR che è stata adattata e ottimizzata per i clienti del settore marino. I gas di scarico vengono mescolati con UREA/DEF (Diesel Exhaust Fluid) nell'unità SCR. C'è un tubo iniettore UREA separato. Le tre uscite di scarico alternative sono progettate secondo gli standard marini e offrono ai clienti diverse configurazioni SCR possibili, semplificando l'installazione. Ed è sempre sulla semplicità che si incentra il design di questo sistema completo, che include il serbatoio DEF e sensori per monitorare la quantità e la qualità di UREA, nonché una pompa di dosaggio e una centralina.

Vantaggi aggiuntivi della soluzione IMO Tier III di Volvo Penta per il motore D8:

  • Ottimizzata per carburante a contenuto massimo di zolfo di 1.000 ppm.
  • Alloggiamento singolo, miscelazione in marmitta più piccola.
  • Possibilità di usare urea sia al 32% sia al 40%.
  • Il sistema SCR agisce da silenziatore per ridurre il rumore fino a 35 dBA.
  • Robuste flange a bulloni da 5 pollici (127 mm).
  • Tre scarichi da 5 pollici (127 mm).
  • Pompa elettrica per UREA più piccola, senza ingresso d'aria.

“Più compatto del D13, il motore D8 offre uno scarico aggiuntivo per semplificare l'adattamento alle esigenze del cliente”, aggiunge Lantz. “Si tratta di una soluzione che garantisce semplicità di installazione, funzionamento e manutenzione”.

Scarica le immagini ad alta risoluzione >

Per ulteriori informazioni, contattare:

Jennifer Humphrey
Brand, Communication and Marketing
AB Volvo Penta
Tel: int +46 (0) 31 323 30 55
Email: jennifer.humphrey@volvo.com

Related News